Un Angelo

by Francesco M. 20. maggio 2011 13:58

Cosimo adesso è un angelo. Il bambino precipitato mercoledì mattina dal terrazzo al secondo piano di via Val Padana è morto. E i suoi genitori hanno accettato di donare i suoi organi, al culmine di un atto d’amore che non ha bisogno di aggettivi. Grazie a questo dono, quattro altri bambini avranno una speranza di vita. Siamo certi che tantissimi vorranno stringersi attorno a questi due ragazzi ancora giovani — Alberto ha 26 anni, Francesca uno di meno — per dimostrare loro l’affetto di tutta la città. Il corpo del bambino arriverà attorno a mezzogiorno alle cappelle del commiato dell’ospedale «San Giuseppe» di Empoli, fra l’altro vicino alla casa dei genitori.

Queste tragedie lasciano senza fiato e senza parole. Non oso neanche immaginare il dolore di quei due giovani genitori.

Tags: ,

cronaca

Ci sono dei mostri …

by Francesco M. 17. marzo 2010 17:55

E’ da un po’ di tempo che non scrivo qua sul blog e lo faccio oggi mosso non tanto da problemi o iniziative su o per Montespertoli. Scrivo solo per esprimere un risentimento forte che ogni volta mi prende quando apprendo certe notizie.

In particolare questa volta mi riferisco alla notizia di cronaca e che riguarda quella coppia genovese accusata di aver praticato violenze sul piccolo Alessandro fino a causarne la morte. Un bimbo di soli 8 mesi … con il cranio fracassato, con bruciature di sigaretta nelle orecchie e varie altri segni … loro, consumatori di cocaina … mi piange il cuore e non sto qui a raccontarvi ciò che mi passa per la testa come punizione per quei due …

Tags: ,

Giuseppe adesso è un Angelo

by Francesco M. 31. marzo 2009 10:30

Oggi la giornata inizia con una lacrima, ma anche con la certezza che da ieri pomeriggio nel cielo brilla una nuova bellissima stella.

Di sicuro non vi sarà sfuggito che ultimamente la mia presenza su queste pagine si è molto diradata, questa però è un'occasione speciale, un'occasione di riflessione, di tristezza, ma anche di profonda speranza. Ieri pomeriggio il piccolo Giuseppe Tomasello, il bimbo di Rignano affetto da una rara malattia, ha compiuto il suo viaggio verso quel destino che ha segnato la sua breve ma estremamente significativa esistenza. Di questo piccolo nostro fratello avevo già scritto, un po' di tempo fa quando venni a conoscenza della sua storia.
La sua storia ci lascia una preziosa eredità, una Fondazione il cui scopo è quello di promuovere la ricerca per donare una speranza a tutte quelle famiglie che vivono questo tipo di dramma. Noi dobbiamo non dimenticare, tenere sempre presente il significato di amore e vita. Troviamo l'umiltà di imparare dal coraggio di due genitori che hanno sempre trovato la forza di guardare oltre.

Vorrei poter esprimere in maniera più significativa i sentimenti che in questo momento albergano nel mio cuore al padre ed alla madre del piccolo Giuseppe e vorrei, nel mio piccolo, trovare la costanza per donare e per adoperarmi al fine di rammentare ai naviganti di soffermarsi a riflettere ogni tanto: basta questo, ad ascoltare il proprio cuore si trova sempre un attimo da dedicare alla solidarietà.

Ciao Piccolo Grande Angelo.

Giuseppe Tomasello ONLUS

Fondazione ONLUS Giuseppe Tomasello

Tags: ,

news

Questo è Giuseppe ...

by Francesco M. 19. dicembre 2007 23:57
Eccolo, il sito della Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus è on line, è ancora in fase di costruzione. Ci sono delle immagini del piccolo e ci sono anche i riferimenti per fare la nostra donazione.

Sul sito Violanews.com ho trovato una lettera della madre Silvia che mi permetto di riportare qui di seguito.

"Buongiorno a tutti scrivo questo messaggio perché a febbraio di quest'anno a mio figlio Giuseppe hanno diagnosticato una malattia mitocondriale da difetto del complesso I della catena respiratoria. La biopsia muscolare ha rilevato dei valori molto bassi e quindi una patologia importante. I medici non mi avevano dato molte speranze ma cominciando la cura di "vitamine" da loro fornita Giuseppe sta un po’ meglio. Giuseppe ha compiuto 18 mesi il 1 dicembre lui è un bellissimo bambino con tanta voglia di vivere si nutre ancora da solo ma ha perso quasi del tutto la vista e non riesce a stare ancora seduto.
L'amore che ho per questa creatura mi spinge a credere che tutto andrà per il meglio e che se i miracoli esistono magari averlo oggi così è già un miracolo.
Gli esami del DNA fatti al Besta di Milano hanno dato esito negativo e quindi non è stata trovata l’anomalia genetica che vuole portarmi via mio figlio.
Per questo mio marito ed io abbiamo fatto la “Fondazione Giuseppe Tomasello ONLUS” ( vedi sito omonimo e e-mail frugolino@hotmail.it) che ha come scopo il finanziamento della ricerca delle anomalie genetiche del complesso 1 della catena respiratoria.
E' atroce pensare di mettere al mondo una vita, una creatura meravigliosa dolce e tenera e poi essere totalmente impotenti contro una malattia che fino ad ora è considerata oltremodo rara e sconosciuta. Sappiamo benissimo che portare avanti la ricerca non significa trovare una cura immediata ma significa cominciare ad attirare l’attenzione su questa malattia e magari in un futuro trovare anche una cura.
Stiamo facendo questo consapevoli che forse non riusciremmo a salvare la vita di Giuseppe ma magari la vita di qualche altro bambino, in futuro, potrà essere salvata e la morte di mio figlio non sarà stata vana.
Sto cercando qualcuno che stia vivendo la mia stessa esperienza perché la voce di più persone ha molto più peso anche a livello di quegli enti che finalizzano l’avanzare della ricerca scientifica solo ed unicamente basandosi sul numero di casi conosciuti.
Grazie una mamma.

Silvia Vinchesi"
Da genitore invidio tantissimo la forza ed il coraggio di Silvia e Francesco, non deve essere semplice misurarsi con la frustrazione che giornalmente, mi immagino, sia alimentata da quel senso di impotenza, nel non trovare una risposta. E allora, come dice la mamma di Giuseppe, un nostro piccolo dono oggi forse non servirà a salvare Giuseppe, ma in futuro qualche altro bi bo di sicuro.

Tags: ,

Pensieri liberi

by Francesco M. 5. dicembre 2007 11:29

Proprio oggi leggevo sul quotidiano una notizia che mi ha riportato indietro nel tempo, quando frequentavo la scuola media Renato Fucini. La notizia riguardava l'incidente occorso ad uno scuolabus, centrato da un furgone "proiettile". Nello scontro ha perso la vita, purtroppo, un bimbo di dieci anni. Capitò anche ad uno scuolabus di Montespertoli alcuni anni fa, una ventina, in quella occasione perse la vita la persona che guidava l'auto.

Ma quello che in realtà mi ha colpito oggi è la massiccia presenza di notizie che riguardano i bambini. Questa cosa devo dire nasce da una sensibilità scoperta dopo la paternità, prima era un istinto latente. Oggi riesco male a "digerire" qualsiasi atto violento nei confronti dei bambini. Oggi oltre al caso del bus sopra citato, leggo anche di un uomo, in Friuli, che nottetempo spara al figlioletto di 4 anni, poi alla moglie ed infine si suicida.

Mi piange il cuore nel leggere queste cose, oppure ripensando a fatti clamorosi di cronaca con protagonisti purtroppo dei bimbi, e non riesco a capire come certe persone possano anche solo pensare di far del male ad un bimbo.

Io chiedo una maggiore tutela dell'infanzia, una garanzia assoluta al diritto che ogni bimbo deve avere di vivere una infanzia felice e spensierata. Verifiche più costanti su scuola, famiglia e associazioni varie.

Infine volevo partecipare anche io all'opera di sensibilizzazione che si è messa in moto dopo che "La Nazione" ha pubblicato la storia del piccolo Giuseppe Tomasello, 18 mesi di Figline Val d'Arno, afflitto da una malattia addirittura ancora non ben identificata e per questo anche senza un nome. Il padre del bimbo fa sapere tramite il quotidiano, che l'iter burocratico per aprire una fondazione atta alla raccolta dei fondi frutto della solidarietà di tutti è già avviato, ci vorra un po' di tempo, quello tecnico. Seguirà anche l'apertura di un sito internet, su cui troveranno posto tutte le info. le strutture sanitarie locali, Ospedale Mayer e ASL si stanno muovendo, anche un Professore ricercatore di Milano si è detto disposto a completare certi esami genetici utili all'individuazione della malattia.

Di sicuro non possiamo fare più niente adesso per quei piccoli vittime di violenza sopra citati, possiamo però impegnarci, ognuno per quello che può, affinchè Giuseppe continui a sorridere per sempre come si vede nelle belle foto pubblicate in questi giorni.

Un saluto.

Tags: ,

news

Consigli

Chi Sono ...

Sono un quasi 40enne che ha trascorso gran parte della propria vita sulle colline di Montespertoli.

Oggi, purtroppo, per motivi personali, gran parte del mio tempo viene trascorso altrove (non troppo distante però) così da poter tornare fra vigneti ed olivi solo nel fine settimana.

Questo blog non vuole avere me come centro di gravità, bensì Montespertoli vista da me e da chi vorrà condividere con tutti le proprie sensazioni ed idee. Di Montespertoli sono innamorato a prescindere, ciò non toglie che io la vedrei tutto in un altro modo ...

Dimenticavo, per chi non mi conoscesse, mi chiamo Francesco.

Month List

Calendar

<<  novembre 2017  >>
lumamegivesado
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910

View posts in large calendar

RecentPosts

RecentComments

Comment RSS

Copyright e Licenza d'uso

Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché non viene aggiornato con periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scrtto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Le opinione espresse qui rappresentano il mio personale punto di vista e di eventuali collaboratori e non rappresentano in nessun modo l'opinione delle Società o degli Enti che potrebbero essere citate e/o descritte. L'intestazione del blog contiene tre immagini tratte da Wikipedia e rielaborate, tali immagini sono coperte da licenza "GNU Free Documentation License" disponibile qui che ne garantisce la libera copia, distribuzione ed elaborazione avendo, Wikipedia, avuto dal soggetto che detiene i diritti.

© Copyright 2017 Montespertoli Info